banner tana fb

 

L'editoriale di Maggio 2018

di Andrea Morsani
Creato: 11 Maggio 2018

La primavera ha colpito: ci siamo chiaramente impigriti, dannazione; ma almeno ci avevamo visto lungo.

 

20180510 editoriale1

 

Il mese scorso affermavo che un governo M5S-Lega era auspicabile, convinto che sarebbe arrivato. Non pensavo sarebbe stato un travaglio cosi' lungo (due mesi dalle elezioni, ragazzi), ma alla fine ci siamo. Berlusconi messo in un angolo, i piddini rosicanti finalmente zittiti: che bello!
Ribadisco che e' il miglior governo che l'Italia potesse avere, ora attendiamo che si insedi. Abbiamo sicuramente evitato il peggio: un ulteriore governo tecnico, coi risultati che hanno dato i precedenti, sarebbe stato devastante, ed andare alle elezioni senza prima modificare questa pazzesca legge elettorale avrebbe poi solo comportato una ulteriore perdita di tempo, spreco di soldi e nessun risultato apprezzabile.
Si parta, dunque.

Ci sono state alcune cadute di stile, in questo periodo, quasi su tutti i fronti; a partire dai 5 Stelle. Aperti a fare un governo con Salvini, salvo chiamarlo "il cagnolino di Berlusconi"; in trattativa con la Lega, per poi sparare bordate a casaccio che di certo non hanno aiutato il leader Leghista a portare a casa il risultato comune. Oltre al solito Di Battista, spesso fastidiosamente eccessivo, stavolta uscite infelici sono arrivate da Di Maio e Toninelli.
E poi il fatto di tentare prima l'accordo con la Lega, poi coi nemici giurati del PD, ed infine, nuovamente con la Lega; un comportamento osceno e ridicolo che ha leso fortemente la credibilita' di Di Maio. Non si puo' negare che certe battute e vignette dei soliti detrattori sono state in questa occasioni piu' che meritate.

 

20180510 editoriale2

 

Renzi e Berlusconi hano dimostrato di essere degli egoisti rancorosi, attaccati al potere e capaci di mettere in ginocchio l'Italia pur di rimanere saldamente aggrappati alle leve di comando.
Colui che ha reso antipatica la Toscana a tutti i connazionali ha fatto di tutto per impedire un accordo di governo con 5 Stelle (per fortuna, direi), arrivando a sabotare col gruppetto dei suoi fedelissimi la direzione del segretario in pectore del PD, quel Martina che ha saputo solo ripetere in continuazione "le forze che hanno vinto le elezioni governino, se ne sono capaci", omettendo scientemente che se siamo in questa situazione di empasse e' solo colpa del PD e di questa ignominiosa legge elettorale figlia e supportata dai suoi esponenenti.

 

20180510 editoriale4


Berlusconi ci ha regalato lo spettacolo comico piu' divertente degli ultimi 20 anni, con la sua macchiettistica mimica durante le dichiarazioni di Salvini ed immediatamente dopo, con la sua chiosa finale a smentire cio' che era stato preparato dai tre "alleati" della coalizione. Se invece che di politica nazionale si trattasse di uno spettacolo teatrale, vorrei vederlo tutte le sere. A mantenere una posizione moderata, intelligente, aperta al dialogo misurato e coerente sono stati solo Salvini e la Meloni, che probabilmente cannibalizzeranno i voti di Forza Italia durante la prossima tornata elettorale (che a questo punto non si sa' quando sara', ma visto che siamo in Italia potrebbe essere anche fra tre ore).

 

20180510 editoriale3

 

Ora mi attendo qualche altro giorno per definire Presidente del Consiglio e squadra dei Ministri, ma praticamente ci siamo. Probabilmente sara' un governo che affrontera' inizialmente i problemi piu' immediati e non rimandabili su cui le due forze in campo si trovano piu' o meno d'accordo (taglio dei costi pubblici, rilancio dell'economia, stato sociale, immigrazione clandestina, ridiscussione degli accordi con l'Europa), ma non e' detto che trovata una certa sinergia si possa andare molto lunghi nella legislatura. E' comunque un terno al lotto: il M5S e' una scheggia impazzita e dato quel che si e' visto nelle ultime settimane non escluderei improvvisi passi indietro a meta' legislatura, o prima.

Saltando di palo in frasca, due parole le spendiamo sulla Tana. Siamo umani, ed il nostro impegno non puo' essere troppo costante. E' un hobby, e come tale subisce gli impevisti del periodo. Tra innumerevoli impegni e stanchezza mentale, siamo stati un po' assenti nel mese di Aprile, lo ammettiamo. La cosa ridicola e' che abbiamo degli articoli gia' scritti, pronti per la pubblicazione, ma non abbiamo il tempo o le enerige di farlo. Maggio e Giugno dovrebbero vedere una inversione di tendenza, contando poi la naturale inversione di tendenza di Luglio ed Agosto. Di certo non molliamo, ma ogni tanto una pausa serve anche a noi.

A proposito di pausa, adesso vado a rincitrullirmi coi videogiochi. Hai visto mai salti fuori materiale per una nuova recensione? Buon Maggio a tutti.