Da un'idea di Philip K. Dick una serie che appassiona per 39 puntate e si devasta completamente con la 40a.

 

20191217 highcastle01

 

Quando dici Philip K. Dick non puoi non pensare a Blade Runner e quindi farti buone aspettative su una serie tratta da un suo romanzo. Si inizia in un 1962 distopico in cui l'Asse ha vinto la Seconda Guerra Mondiale e ora domina il mondo. Questo incipit mi aveva subito intrigato. E infatti sin dall'inizio The Man In The High Castle avvolge gli spettatori con le sue varie sfaccettature. Tutto molto bello fin da subito: scenari, trama, personaggi...

 

20191217 highcastle02

 

La Germania ha creato l'atomica prima degli Stati Uniti e l'ha sganciata su Washington, vincendo la guerra insieme al Giappone. Quindi i due stati si sono spartiti il mondo. L'unico però che vuole questa spartizione più o meno equilibrata col Giappone è Hitler, che ormai è vecchio e malato. Tutti gli altri gerarchi aspettano che lui muoia per muovere guerra verso un Giappone che non potrebbe vincere un conflitto contro un Reich molto più potente. A mio avviso basterebbero già solo queste trame politiche per rendere appassionante la serie. Ma a queste tensioni si aggiungono anche le sacche di resistenza che negli Stati Uniti cercano di combattere contro la duplice occupazione.

 

20191217 highcastle03

 

San Francisco e New York, una sotto il dominio giapponese e l'altra sotto quello nazista, sono le due location principali in cui i ribelli agiscono per cercare di colpire i rispettivi occupanti. E poi c'è lui, l'Uomo nell'Alto Castello, personaggio misterioso che dà il titolo alla serie e che per qualche motivo è il ricercato numero uno sia del Reich che dell'Impero giapponese. A quanto pare questo individuo è a conoscenza di una verità sconvolgente, che non rivelerò qui e che aggiunge un ulteriore strato di interesse alla storia.

 

20191217 highcastle04

 

Ma allora cosa c'è che non va in The Man In The High Castle? Beh, solo l'ultima puntata.

Voi direte: ma ce ne sono tante di serie belle il cui finale poi è deludente... Vero. Ma questo non è un finale deludente, è un finale ridicolo e senza nessun senso, che distrugge totalmente quanto di buono fatto nelle 39 puntate precedenti. Una puntata finale che: 1) non chiude la trama principale lasciando tutta la situazione in sospeso, 2) non spiega il destino finale di molti dei protagonisti e 3), peggio ancora, aggiunge proprio nella scena finale un altro elemento, in pratica completamente nuovo, che non ha nessuna spiegazione logica.

Non avete idea del mio sconcerto. Ho adorato tutto di The Man In The High Castle, tutto! Per poi scoprire che quest'Alto Castello si è rivelato fatto di carte che sono crollate inesorabilmente con un debole soffietto finale.

 

Consiglio 1 per tutti: non perdete assolutamente il vostro tempo con questa serie!!

 

Consiglio 2 per quelli che sono rimasti delusi dal finale del Trono di Spade: Voi i finali di serie affrettati e inconcludenti non li avete mai visti... fidatevi!

 

The Man In The High Castle, 2015-2019 (4 stagioni - 10 puntate a stagione)
Voto: 3

ban49

 

Tanto Per Ridere: I Meme | 07 Giu 2020 | MarcoF
I meme del momento - Termoscanner e App Immuni

Tanti strumenti di controllo per evitare il contagio, e tanti meme dal termoscanner all'app "Immuni"

 

Musica: Jukebox | 06 Giu 2020 | Tech-Priest
Tiamat - Gaia

Un brano ambientalista quando ancora non era di moda parlare di questi argomenti. Gaia è una suadente ode al pianeta come un grido sussurrato in cui i Tiamat erano maestri.

 

Politica | 05 Giu 2020 | Il Cobra
Come la sinistra legittima i suoi avversari, pardon, nemici politici

Con le sue azioni, la sinistra e' riuscita in questi anni a compattare buona parte dell'elettorato moderato su figure almeno in alcuni casi discutibili.

 

Politica | 04 Giu 2020 | Sinue L'Egiziano
Lianghui 2020, venti di novità dalla Cina

Lianghui è una annuale riunione che vede come partecipanti l'organo legislativo e consultivo cinesi, e costituisce un appuntamento fondamentale per conoscere gli sviluppi economici e politici del paese.

 

Film: Le Recensioni | 03 Giu 2020 | Carlo Desiderati
Mediterraneo

Mediterraneo è un vero viaggio nel profondo della nostra anima.

 

GDR: Gli Approfondimenti | 07 Set 2000 | Macros
Cuoio o Metallo

Giochi di ruolo: quale armatura scegliere per essere piu' efficaci?

 

Animazione: Le Recensioni | 01 Giu 2020 | MarcoF
Beastars - Stagione 1

Ti amo o voglio solo mangiarti? Sei la mia preda o la ragazza con cui voglio stare? Queste domande si fondono e si confondono in un vortice d’inaspettate situazioni.

 

Tanto Per Ridere: I Meme | 31 Mag 2020 | MarcoF
I meme del momento - Tutti al Mare-Covid

Si sente aria di fine Pandemia ... che sia vero o no, l'estate si avvicina a grandi falcate e quindi andiamo a vedere come i produttori di Meme e Vignette ci immaginano questa estate.

 

Musica: Jukebox | 30 Mag 2020 | Tech-Priest
Heaven And Hell - Heaven And Hell (Live)

A dieci anni dalla morte di Ronnie James Dio, riviviamo una delle sue ultime esibizioni. Forse la migliore in assoluto. Un frontman straordinario fino alla fine.

 

Videogiochi: After Action Reports | 29 Mag 2020 | Il Cobra
Mazinga contro i sette nani: chi potra' mai vincere?

Storia di due irresponsabili wargamers, di un carro ciccione e di come gli Stratovarius abbiano influenzato la seconda guerra mondiale.

 

Politica | 28 Mag 2020 | Il Cobra
Palamara, la magistratura e la morte della democrazia

In Italia la democrazia e' morta: da qualche anno stiamo vedendo dei mini-colpi di stato atti a garantire il governo ad una specifica parte politica.

 

Serie TV: Le Recensioni | 28 Mag 2020 | MarcoF
Good Omens

Una divertentissima miniserie apocalittica dagli sviluppi umoristici assurdi. Michael Sheen e David Tennant sono FENOMENALI!

 

Film: Le Recensioni | 26 Lug 2004 | Il Cobra
The Day After Tomorrow

Come ben sa chi segue da tempo la Tana, non sono un grande estimatore dei film d’azione americani, ne’ tanto meno di quelli catastrofici.

 

 

Musica: Le Recensioni | 02 Mar 2005 | Tech-Priest
Megadeth - Countdown To Extinction

L’inizio degli anni novanta ha visto una certa apertura dei gruppi metal classici verso sonorità meno intransigenti e più “orecchiabili”.

 

 

 

ban49