Un Flash maturo, un po’ più adulto, un po’ meno divertente!

 

 

Già nella scorsa stagione di Flash avevo accennato che la serie stava perdendo di brio e spensieratezza. Con questa quinta stagione si passa proprio ad un registro più impegnato; ho paura che la prossima conclusione di Arrow, possa influenzare negativamente questa serie.

La cosa bella di Flash era la leggerezza con cui l’uomo più veloce al mondo affrontava i suoi avversari. Finita l’era del "Flash spensierato", erano rimasti prima Cisco, poi Ralph a fare da spalle comiche interessanti. Purtroppo entrambi hanno cominciato a diventare sempre più seri e meno divertenti. In questa quinta stagione, arrivano sia Harrison "Sherloque" Wells, alterego di una terra lontana del professor Wells, sia Nora West Allen, la figlia di Barry e Iris, a dare una mano con battute ed incomprensioni, ma si sente proprio la mancanza di quella semplicità ormai andata.

La stagione è evidentemente incentrata sulle questioni familiari. Da un lato tutto il peso di diventare improvvisamente genitori e tutta la consapevolezza di non essere adeguati; dall’altro l’essere figli, nascondere i propri segreti, fare di testa propria e voler essere all’altezza almeno dell’ombra dei genitori. Insomma una stagione dalle tematiche impegnate e non proprio spensierate.

 

 

Riflettendoci bene, in questa stagione, sotto il profilo da supereroe, non è capitato niente di strabiliante; il nemico di turno non era poi un così interessante, gli scontri con Cicada sono pochi e di breve durata. Alla fine dei conti questa stagione non mi lascia niente, molta apparenza e poca sostanza. Diciamo che tutto è servito ad arrivare alla prossima stagione che, sulla carta, potrebbe essere molto interessante e determinare uno stravolgimento nelle trame.

Come spesso ho detto, giocare con il tempo è sempre pericoloso, si rischia d’incappare in errori nella trama e complicazioni impreviste. Grazie al cielo tutto questo non sembra essere di peso alla serie; anzi, giocando con il tempo, è stato recuperato un personaggio davvero interessante, il cattivo per eccellenza, la nemesi di Flash.

A differenza di Arrow, che con la sua ottava stagione avrà solo dieci episodi, la sesta di Flash sarà una stagione completa da ventidue episodi, rendendo quindi questa serie il pilone portante dell’universo televisivo DC.

Come stagione di passaggio, non posso dire che mi abbia del tutto annoiato; di certo la precedente stagione è stata peggiore di questa. Inserire un paio di personaggi briosi per dare una spinta comica può essere utilizzato una o due volte, poi bisogna trovare qualcosa di diverso per andare avanti e mantenere un certo livello, altrimenti rischia di diventare ripetitivi e scontati.

Attendo la prossima stagione, con un po’ più di interesse delle precedenti, visto l’annuncio di un gigantesco crossover tra le varie serie dell’Arrowerso... o è meglio dire da ora in poi Flashverso?

 
The Flash - Stagione 5, 2018/2019
Voto: 6

 

ban49