MarcoF ha recentemente parlato della terza stagione di Stranger Things; condivido buona parte del suo articolo, ma credo ci sia qualcosa in piu’ da dire.

 

20190923 stranger1

Marco ha ben colto un aspetto di questa stagione: i nemici non forniscono una sensazione opprimente di pericolo come nelle precedenti stagioni. In compenso viene inserita una presenza russa che risulta oggettivamente caciarona e molto molto forzata, decisamente irreale, tanto che sembra quasi di avere a che fare con i libici di Ritorno al Futuro. Lo stesso “mostronzo” di turno, motivo trainante delle altre stagioni, non ha affatto lo stesso appeal ed e’ evidente come si passi da un horror psicologico ad uno puramente d’azione dove pero’ la tensione non e’ quasi mai elevata; e quando c’e’, gli avvenimenti sono spesso scontati e facilmente intuibili.

 

20190923 stranger2

 

Si dovrebbe trattare di un fallimento, allora; invece, a mio parere qui ci troviamo di fronte ad una serie ottima, che semplicemente ha cambiato pelle in modo silenzioso ed inaspettato.
L’intera terza stagione ha un unico doppio focus: l’ingresso nell’adolescenza (e le analogie con l’eta’ adulta) e la scoperta dei sentimenti e dell’amore. Detta cosi’ sembra una roba noiosa, un polpettone alla Beverly Hills 90210 o Beautiful (che roba vi ho tirato fuori, eh?), invece la genialita’ di sceneggiatori e registi (i Duffer Brothers hanno curato solo 4 degli 8 episodi) e’ quella di creare una serie di situazioni buffissime che strappano parecchie fragorose risate.

 

20190923 stranger3

 

L'attenzione e' quindi interamente ai rapporti fra i vari protagonisti della serie, che crescendo cambiano e vivono emozioni ed esperienze nuove; questi cambiamenti asimmetrici permettono di creare gag e situazioni paradossali di continuo. Sembra quasi di vedere uno spin-off dei Goonies.

Ci troviamo di fronte ad un prodotto che ha fatto un salto di lato, e non puo’ e non deve essere piu’ inteso come un vero "horror de mostri de paura" come nella prima stagione, ma quasi un telefilm prodotto veramente negli anni ’80 ed indirizzato ad adolescenti odierni e vecchioni in cerca di memoria e spassionate risate. Sono curioso di vedere che direzione prendera’ la serie nella prossima stagione.

 

Stranger Things - stagione 3, 2019
Voto: 7.5

 

ban49