Avevamo gia’ parlato del gruppo irlandese quando recensimmo il loro quinto album nel 2011, poco dopo la sua uscita. Oggi parliamo invece del loro secondo lavoro, del 2005.

 

20170404 allisviolent

All is Violent, All is Bright e’ un album particolare. Ha molte pecche, eppure a suo modo si lascia ascoltare; entriamo nell'analisi dettagliata dei 10+1 pezzi componenti la release.

Nelle prime tre canzoni (Fragile, All is Violent, All is Bright e Forever Lost) sembra esistere un filo conduttivo talmente forte che in alcuni momenti sembra che si stia ripresentando lo stesso brano sotto altre spoglie. C’e’ un continuo crescendo di ritmo e di potenza nelle melodie, e manca quella malinconia tipica delle sonorita’ post-rock piu’ classiche: e' un tratto distintivo dei God is an Astronaut.

 

 

Con Fireflies and Empty Skies cambiamo passo. Dalle melodie veloci ma suadenti, si passa ad una intro dal ritmo serrato di tastiere elettroniche che segnano una demarcazione con il trittico iniziale, sebbene una sorta di “gia’ sentito” rimanga nell’aria.

A Deafining Distance e Infinite Horizons sono i brani che smorzano il ritmo e consentono un minimo di introspezione. I brani pero’ sono piuttosto brevi e - specialmente il secondo - finiscono in modo piuttosto brusco.

Suicide by Star inverte la tendenza e specialmente in conclusione rialza il ritmo in maniera sostenuta, sempre con un grande uso di batterie e tastiere; Rememberance Day si contrappone immediatamente con una lunga, piacevole intro di pianoforte. Forse uno dei momenti piu’ riusciti dell’album.
Dust and Echoes ricorda invece moltissimo Hunted by a Freak dei Mogwai, tanto che il primo minuto si puo’ praticamente sovrapporre al pezzo uscito nel 2003 all’interno di Happy Songs for Happy People.

 

 

 

L’ultimo brano e’ When Everything Dies; completamente avulso dal resto dell’opera, e' sia elaborato che vario, ed e’ decisamente piu’ curato e “pesante” del resto dell’album. Ha un tono marcatamente piu’ oscuro, forse piu’ adatto al tipo di sonorita’ del post-rock.

Chiude la hidden track Disturbance; ancora una volta, un completo cambio di stile, un brano adattissimo ad ambientazioni futuristiche e spaziali.

L’album soffre di un costante, slegato cambio di ritmo, di mancanza di continuita’ nello stile e nella chiusura brusca di molti brani. Allo stesso tempo c’e’ una costante sensazione di riascoltare la stessa cosa; mancano varieta’ e tratti distintivi fra una canzone e l’altra. Alcune traccie sono degne di nota, ma nessuna e’ di un livello tale da lasciare il segno; tutto l’album soffre un una sindrome da “musica di atmosfera”; sembra quasi che siano canzoni fatte tenendo in mente i sottofondi musicali di certi locali o di certe trasmissioni televisive. Difficilmente identificherete una canzone o entrera' a far parte della vostra playlist.

Eppure, tirando le somme, non si puo’ affermare che All is Violent, All is Bright sia un brutto album; nonostante manchi di carattere e somiglii troppo a se sesso, puo’ essere un discreto riempitivo e valere un ascolto saltuario.

 

God is an Astronaut: All is Violent, All is Bright, 2005
Voto: 6

ban49

 

Film: Le Recensioni | 04 Ago 2020 | Il Cobra
Doom

E' piuttosto raro che le trasposizioni cinematografiche siano all'altezza dei film da cui traggono origine. Doom non si discosta dallo standard.

 

Animazione: Le Recensioni | 03 Ago 2020 | MarcoF
Ghost in the Shell: SAC_2045 - Stagione 1

Hai a che fare con un mito dell’animazione giapponese e che cosa fai? Lo ammazzi con una pessima computer grafica. ASSASSINI!

 

 

Musica: Jukebox | 01 Ago 2020 | Tech-Priest
Rammstein - Ohne Dich

In mezzo a tanto pesante industrial, i Rammstein dimostrano di avere anche della poesia da offrire ai propri fan, e non solo a loro... Un pezzo, e un video, che mi hanno sorpreso.

 

Videogiochi: Le Recensioni | 31 Lug 2020 | Il Cobra
Hero Of The Kingdom

Se siete in un momento di stress o se volete giocare a qualcosa senza pensare troppo, Hero Of The Kingdom potrebbe essere una buona opzione.

 

Serie TV: Le Recensioni | 30 Lug 2020 | MarcoF
Runaways - Stagione 2

Sei adolescenti in fuga dai loro genitori.

 

Film: Le Recensioni | 28 Lug 2020 | Il Cobra
La Casa 2

Cosa porta Sam Raimi a fare un seguito che invece di un seguito e' un remake del suo film di sei anni prima?

 

Serie TV: Le Recensioni | 27 Lug 2020 | MarcoF
Dark, Stagione 3

Ci si deve impegnare un bel po’ per seguire Dark, ma ne vale davvero la pena?

 

Musica: Jukebox | 25 Lug 2020 | Tech-Priest
Dire Straits - Sultans Of Swing (Alchemy Live)

Un classico immortale come Sultans Of Swing reso ancora più entusiasmante in questa impareggiabile versione live.

 

Film: Le Recensioni | 10 Apr 2003 | Tech-Priest
Giorni Contati

Premessa per chi si appresta a leggere: in questo articolo dico le parolacce! (ooooohhhh... era ora.... N.d.Cobra)

 

Manga e Fumetti: Le Recensioni | 23 Lug 2020 | MarcoF
Pandemonium: Majutsushi No Mura

Una storia particolarissima, che ti coinvolge emotivamente e ti rapisce graficamente.

 

Film: Le Recensioni | 21 Lug 2020 | Tech-Priest
Dredd - Il Giudice Dell'Apocalisse

Semplice ma esaltante, diretto e soprattutto fedele al concetto fino alla fine. Questo è il Dredd di cui c'era bisogno.

 

Animazione: Le Recensioni | 20 Lug 2020 | MarcoF
Avatar - La leggenda di Aang - Libro terzo: Fuoco

Ultimo capitolo di una trilogia cha cresce e matura ad ogni stagione.

 

Musica: Jukebox | 18 Lug 2020 | Tech-Priest
Lucifer - Phoenix

Dopo il primo album decisamente metal e molto "Sabbathiano", i Lucifer sterzano verso un hard rock più abbordabile. Molti hanno storto il naso, ma il risultato è comunque ottimo, e di fronte a un pezzo come Phoenix...

 

Racconti: Massive Darkness | 16 Lug 2020 | MarcoF
09 - Tu non puoi seguirci!

Ragazzi, da questo punto non si torna indietro. La strada per l’Oscurità è ormai segnata.

 

 

 

ban49