Leo Ortolani si cimenta in una storia d'amore dai temi difficili, scomode e pericolosamente fraintendibili; una storia che mette a confronto l'amore da diversi punti di vista.

 

Credo di aver acquistato il mio primo Ratman quando avevo sedici anni. Mi ha colpito e conquistato dalle prime pagine; la sua comicità, la sua ironia e l'uso delle allusioni piuttosto palesi, sono alla base del successo di questo grande fumettista italiano.
Cinzia, un personaggio ben noto ai lettori di Ratman, è la transessuale platinata che s'innamora dell'eroe mascherato più sfigato del mondo dei fumetti; quest'opera che porta il suo nome racconta una storia lontana dalle imprese folli dell'eroe mascherato, ma mantiene l'impostazione che ha reso famosa Cinzia, una donna in un corpo da uomo con trenta centimetri di troppo.

Leo racconta la storia di Paul Otherside, in arte Cinzia, alle prese con il mondo che, come accade spesso, male accetta la diversità sessuale; ma Cinzia non si perde d'animo, ha i suoi momenti in cui cerca disperatamente di scomparire per non essere notata, ma è un personaggio vivo, vitale e innamorato della vita. Il racconto entra nel vivo quando Cinzia decide di conquistare un uomo; questo porterà la nostra protagonista a fare scelte del tutto radicali solo per conoscere e frequentare l'uomo che le ha rubato il cuore.

Leo Ortolani ci accompagna in un confronto tra idee eterosessuali e pensieri di persone che hanno tendenze sessuali diverse; o per lo meno è quello che ci vuole far credere. Mi sono trovato a pensare che le allusioni sessuali così esplicite che Leo usa di tanto in tanto nel racconto potessero anche dare fastidio ai più sensibili, ma alla fine sono semplici battute che servono a provocare un sorriso, una risata o a sdrammatizzare una reazione che, se ci si frema a riflettere un attimo, alla fine è quasi naturale.

La bravura di Leo è di confonderci raccontando una storia in cui due persone s'innamorano, con tutte le incomprensioni dovute al caso e alle tendenze, ma che alla fine si rivela per quello che è realmente, la storia di una crescita, la storia di una maturazione personale, la storia di una presa di coscienza, la storia di come Paul, con tutti i dubbi e le incertezze della vita, diventa Cinzia. Questa però non è la storia della presa di coscienza di una sessualità diversa da quella che la natura ha fornito a Cinzia, ma è la più classica e semplice storia di come una persona prende coscienza di se stessa, si accetta e diventa la persona che è destinata ad essere, con tutte le sue macchie e le sue pecche, con tutti i suoi difetti e i suoi pregi; è la storia della maturazione di una persona che potrebbe essere tranquillamente la mia, la tua che leggi o quella di chi ami o ti è accanto.

Ammetto di essermi avvicinato a questa lettura con un animo leggero, in cerca di quella comicità che ho conosciuto tanto tempo fa, ma mi sono ritrovato a leggere una storia fresca, piacevole, condita con una buona dose d'ilarità alla Leo Ortolani, ma molto profonda ed appagante, che mi ha portato a riflettere molto di più di quello che mi sarei mai aspettato. Leo mi ha stupito, sapevo che aveva scritto cose più impegnate, ma non mi sarei mai aspettato che avesse affrontato con tanta brillantezza e semplicità una storia con dei temi cosi sensibili, scomode e pericolosamente fraintendibili.

Lo stile di Leo Ortolani è costantemente vivo nelle pagine del suo lavoro, ma spesso mi ha lasciato uno strano gusto agrodolce che non ricordavo; confrontandola con i primi Ratman, ma anche con quelli un po' più recenti, si nota in modo netto la maturazione dell'Artista e della Persona che ho ammirato per la grande capacità di iniziare una battuta e concluderla svariate pagine dopo. Devo proprio ammettere che la mia stima e la mia ammirazione per l'Artista Leo Ortolani sono notevolmente cresciute da quando ho finito di leggere la sua Cinzia.

Non mi sento nè sono in grado di giudicare quest'opera che tanto mi ha sorpreso e fatto riflettere; l'unica cosa che mi sento di consigliarvi è di leggerla e giudicarla voi stessi, sono sicuro che non rimarrete delusi.

ban49

 

Animazione: Le Recensioni | 06 Lug 2020 | MarcoF
Avatar - La leggenda di Aang - Libro primo: Acqua

Avatar è divertente, colorato, gioioso e scanzonato, ma con una costatne crescita interiore dei personaggi.

 

Giochi da Tavolo: Gli Approfondimenti | 15 Ott 2020 | Macros
Ma L’Orrore Dov’è?!

“Stai camminando nel corridoio più segreto della piramide quando, improvvisamente, ti appare davanti il terribile Nyarlatohep, il caos strisciante, colui che vuole portare il genere umano alla follia!” “Embè, e mo’ questo che ‘vole? Je dico che si nun se leva je pianto ‘na palla ‘n fronte!”

 

Musica: Jukebox | 04 Lug 2020 | Tech-Priest
Airbourne - Runnin' Wild

Cloni ed eredi degli AC/DC? Decisamente sì e senza sfigurare nemmeno un po'. Gli Airbourne sono pariti in quarta sin dal primo disco.

 

Film: Le Recensioni | 03 Lug 2020 | Il Cobra
Burn After Reading - A Prova Di Spia

Uno di quei rari casi in cui il titolo italiano e' piu' azzeccato di quello originale: Burn After Reading e' uno dei pochi colpi a vuoto dei fratelli Cohen.

 

Racconti: Massive Darkness | 02 Lug 2020 | MarcoF
08 - Sotto una volta in frantumi

NO! … Non aprire nessuna porta, non possiamo permetterci di perdere tempo.

 

 

Storia e Militaria | 01 Lug 2020 | Fangorn
Wojtek: Un orso divenuto soldato

Un viaggio iniziato nella lontana Persia e concluso molti anni dopo in Scozia. È la straordinaria storia di Wojtek, l’orso bruno che partecipò, insieme ai soldati polacchi, alla liberazione d’Italia.

 

 

Libri: Le Recensioni | 30 Giu 2020 | Il Cobra
Banda Di Fratelli

Sicuramente tutti avrete sentito parlare di Band Of Brothers, la serie dedicata ai para' impiegati sul fronte europeo. Beh, e' la fedele trasposizione di questo libro.

 

Animazione: Le Recensioni | 29 Giu 2020 | MarcoF
The Hollow - Stagione 2

La seconda stagione di The Hollow non è all’altezza della prima, anche se c’è qualche spunto buono.

 

Giochi da Tavolo: Gli Approfondimenti | 01 Ott 2000 | Macros
GDR: I 5 sensi

Tante volte si è detto che giocare a un gioco di ruolo è come girare un film dalla trama solo parzialmente determinata, ma alla fine questo accostamento non è neanche tanto vero poiché un film, per quanto ben girato, non può comunicare che due input sensoriali: la vista e l’udito.

 

Musica: Jukebox | 27 Giu 2020 | Tech-Priest
Frozen Crown - In The Dark

Arrivati al secondo disco, i milanesi Frozen Crown si dimostrano capaci di spiccare in un genere ultra-inflazionato. Sembra proprio che questi ragazzi abbiano una marcia in più.

 

Videogiochi: Le Recensioni | 26 Giu 2020 | Il Cobra
Iwo: Bloodbath In The Bonins

La battaglia di Iwo Jima e' stata una delle piu' sanguinose del teatro Giapponese; ma questo wargame non ne rende degnamente memoria.

 

Racconti: Massive Darkness | 25 Giu 2020 | MarcoF
07 - Il Labirinto Fantasma

Rivivere la prima grande avventura dei Portatori di Luce è stato concesso solo a loro che sono stati chiamati i Cinque.

 

Giochi da Tavolo: Gli Approfondimenti | 18 Set 2000 | Macros
Guano di pipistrello (de rerum magica)

"Era una giornata calda e luminosa sulle colline del Beladan, e un cavaliere solitario si stagliava sulla cima del Colle Vino, così chiamato per le coltivazioni di vite sul lato est."

 

 

Societa' | 23 Giu 2020 | Il Cobra
Il virus fuggito da un mercato militare cinese

Difficilmente riusciremo mai a sapere la verita' sull'origine del Covid-19; ma i dubbi sulla sua creazione in laboratorio sono fortissimi.

 

 

ban49