Cerca

 

banner tana fb

 

La Dittatura Europea

in Libri
di Andrea Morsani
Creato: 24 Maggio 2012

Quando si tratta di analizzare libri di inchiesta o di approfondimento, non e' mai facile riuscire a dare una valutazione super-partes; Ida Magli ci propone una interessante e differente visione sull'operazione Europa Unita. Il problema e' che il testo e' pressoche' illegibile.

 

Quante volte vi sara' capitato di iniziare un libro, pieni di voglia e di curiosita' per i temi trattati, e poi dopo poche pagine faticare a seguire il filo logico, non capire i nessi, astrarsi completamente dalla lettura per poi scoprire di essere andati avanti due pagine senza ricordare nulla di cio' che si e' letto? Ecco, questo La Dittatura Europa rientra esattamente in questa terribile categoria: quella dei libri scritti senza un minimo di riguardo per il lettore, che tenta disperatamente di arrivare alla ciccia, al nocciolo della questione, resistendo al sonno e alla voglia di scagliare via il tomo.

Ed e' un vero peccato in questo caso, lasciatemelo dire: l'idea che dietro le decisioni prese da "grandi statisti" di unire commercialmente e territorialmente le nazioni d'Europa nulla ci sia altro che esclusivi fini economici, interessi di pochi curati a discapito della popolazione che non puo' opporsi, non e' certo del tutto campata in aria, anzi; la drammatica situazione di questi mesi sta dimostrando anche ai piu' convinti (ed io non ero fra questi) quanto l'unione economica sia una serie di pentole senza coperchi.

 

20120524_dittaturaeuropea

 

Ida Magli, da antropologa e studiosa, ha messo giu' un incrocio fra un libro di testo, un bloc notes di avvenimenti personali e un elenco di supposizioni; il problema e' che lo ha fatto alla rinfusa, senza dare linearita' e brio alle sue parole. Leggere questo libro e' davvero un'impresa, e anche se non ci sono terminologie tecniche o di nicchia, dopo poco la mente vaga su altri pianeti, satura dalla noia che sprizza dalle frasi. A me non capita quasi mai di mollare un libro appena iniziato, e mai di mollarne uno a meta': questo mi ha talmente esasperato che a cento pagine dalla conclusione (dove ancora non si arriva a chiarire la teoria fondamentale della Magli) ho scagliato il tomo contro un muro e mi sono messo a leggere dei fumetti.

Tanto per rendere l'idea.

Che dire? Un'occasione sprecata, di sicuro non il modo migliore di diffondere le proprie idee. La Magli forse avrebbe bisogno di qualcuno che scrivesse per lei: una mente e un braccio esperto nel tenere viva l'attenzione del lettore. Provaci ancora, Ida.

 

Nota: riporto il link ad una interessante intervista all'autrice, dove almeno si capiscono i suoi concetti e le sue idee.

 

 

La Dittatura Europea, 2010

Voto: 4 perche' illegibile, 6 per il contenuto (e se arrivate alla fine vi spedisco un pacchetto di merendine-premio)

ARTICOLI RECENTI IN QUESTA CATEGORIA