35MM e' un videogioco atipico. E' chiaramente una produzione semi-amatoriale, e' poco raffinata dal punto di vista tecnico, eppure cattura e colpisce per la storia ed il modo in cui viene raccontata.

 

20181017 35mm1

 

Fin dalla schermata principale del gioco, ci possiamo rendere conto di una profonda ambivalenza in 35MM. Le opzioni sono poche, scarne, ma al tempo stesso lo sfondo e' vivo, particolare, e reagisce al movimento del nostro mouse se lo portiamo verso il bordo dello schermo. Non c'e' la possibilita' di rimappare i tasti (cosa fondamentale per noi mancini), ma si capisce che gli sviluppatori sono stati attenti alle nostre esigenze, e sebbene i tasti con cui interagire (non moltissimi) non siano nella posizione che vorrei, sono tutto sommato abbastanza comodi da raggiungere e razionali nel posizionamento.

Il gioco inizia spiazzandoci. E' un tutorial? O siamo gia' nel vivo del gioco e dobbiamo stare attenti a cosa accade? Cosa dobbiamo fare, e dove dobbiamo andare esattamente? Sembra di assistere a quelle produzioni anni '90 in cui capire le basi del gioco era il primo scoglio da affrontare... anche se poi in breve intuiamo come agire.

 

20181017 35mm2

 

35MM offre una esperienza particolare. E' un gioco di avventura in prima persona con numerose sequenze animate ed alcuni passaggi piu' da FPS; c'e' un rudimentale sistema legato al doversi nutrire e curare, come il dover essere attenti all'ultizzo della torcia, che consuma le batterie.
Il controllo del personaggio non e' del tutto agevole, e spesso nei movimenti laterali rimarremo incastrati fra sedie od oggetti che non ci aspetteremmo dovrebbero ostacolarci. Muoversi da accucciati sembra essere piu' veloce che camminare, ed alcune texture sono piuttosto grossolane. Eppure tutto questo non inficia sull'esperienza di gioco, dove e' l'atmosfera post-apocalittica a farla da padrone: la costante solitudine (a parte il nostro compagno di viaggio), le abitazioni in rovina, un costante senso di pericolo e di angoscia; sono questi i tratti salienti del gioco.

Immersi nella campagna russa, non potremo non ricordare le ambientazioni tanto care a Stalker ed a Next Day Survival, due giochi che pero' non hanno molto in comune con 35MM, che ha tutt'altre ambizioni; il ritmo e' lento, compassato ma non noioso, ed il comparto tecnico e' palesemente privo di grosse basi. 35MM racconta una storia ed e' strutturato perfettamente per farci immergere nelle sue piege. La liberta' d'esplorazione che abbiamo specialmente nella prima parte del gioco potrebbe farlo scambiarlo per un open world, ma in realta' siamo legati a seguire un certo percorso, anche nelle aree piu' ampie che ci spiazzano per quel senso di "e adesso da dove inizio?" che ci attanaglia.

 

20181017 35mm3

 

Come dicevo, la sostanza di 35MM e' la storia ed il modo in cui viene raccontata. Il fatto che sia piu' accennata che narrata ci costringe quasi a farla nostra; riesce ad essere un robusto filo conduttore pur nella sua semplicita'. Per certi versi mi ha ricordato la prima stagione di The Walking Dead, dove tralasciando alcuni dialoghi tirati per le lunghe e scelte evitabili, ci veniva raccontata la storia di due persone nel mezzo di una catastrofe. Ecco, 35MM sotto questo aspetto e' molto simile: un gioco intimista nascosto in un'avventura post-apocalittica.

In alcuni frangenti ci troveremo dubbiosi su cosa fare, su come continuare; magari l'idea che abbiamo in mente e' quella corretta ma non sempre il gioco ci mette in condizione di capire agilmente quale sia la sequenza di azioni da compiere per proseguire; tutto senza mai arrivare al livello di frustrazione, comunque. Anche questi frangenti contribuiscono a dotare 35MM di un carisma tutto suo; strano, unico, e per chi sa apprezzare la sostanza anche se nascosta da una forma non all'altezza con molti altri titoli analoghi.

 

20181017 35mm4

 

A me il gioco e' piaciuto molto; seppur breve (circa 5 ore), mi ha regalato momenti emotivamente intensi e che probabilmente rimarranno per sempre nella mia memoria videoludica. Consiglio di prenderlo intorno ai 4-5 euro, a prezzo di saldo. E giocarlo.

 

35MM, 2016
Voto: 7

ban49

 

Film: Le Recensioni | 04 Ago 2020 | Il Cobra
Doom

E' piuttosto raro che le trasposizioni cinematografiche siano all'altezza dei film da cui traggono origine. Doom non si discosta dallo standard.

 

Animazione: Le Recensioni | 03 Ago 2020 | MarcoF
Ghost in the Shell: SAC_2045 - Stagione 1

Hai a che fare con un mito dell’animazione giapponese e che cosa fai? Lo ammazzi con una pessima computer grafica. ASSASSINI!

 

 

Musica: Jukebox | 01 Ago 2020 | Tech-Priest
Rammstein - Ohne Dich

In mezzo a tanto pesante industrial, i Rammstein dimostrano di avere anche della poesia da offrire ai propri fan, e non solo a loro... Un pezzo, e un video, che mi hanno sorpreso.

 

Videogiochi: Le Recensioni | 31 Lug 2020 | Il Cobra
Hero Of The Kingdom

Se siete in un momento di stress o se volete giocare a qualcosa senza pensare troppo, Hero Of The Kingdom potrebbe essere una buona opzione.

 

Serie TV: Le Recensioni | 30 Lug 2020 | MarcoF
Runaways - Stagione 2

Sei adolescenti in fuga dai loro genitori.

 

Film: Le Recensioni | 28 Lug 2020 | Il Cobra
La Casa 2

Cosa porta Sam Raimi a fare un seguito che invece di un seguito e' un remake del suo film di sei anni prima?

 

Serie TV: Le Recensioni | 27 Lug 2020 | MarcoF
Dark, Stagione 3

Ci si deve impegnare un bel po’ per seguire Dark, ma ne vale davvero la pena?

 

Musica: Jukebox | 25 Lug 2020 | Tech-Priest
Dire Straits - Sultans Of Swing (Alchemy Live)

Un classico immortale come Sultans Of Swing reso ancora più entusiasmante in questa impareggiabile versione live.

 

Film: Le Recensioni | 10 Apr 2003 | Tech-Priest
Giorni Contati

Premessa per chi si appresta a leggere: in questo articolo dico le parolacce! (ooooohhhh... era ora.... N.d.Cobra)

 

Manga e Fumetti: Le Recensioni | 23 Lug 2020 | MarcoF
Pandemonium: Majutsushi No Mura

Una storia particolarissima, che ti coinvolge emotivamente e ti rapisce graficamente.

 

Film: Le Recensioni | 21 Lug 2020 | Tech-Priest
Dredd - Il Giudice Dell'Apocalisse

Semplice ma esaltante, diretto e soprattutto fedele al concetto fino alla fine. Questo è il Dredd di cui c'era bisogno.

 

Animazione: Le Recensioni | 20 Lug 2020 | MarcoF
Avatar - La leggenda di Aang - Libro terzo: Fuoco

Ultimo capitolo di una trilogia cha cresce e matura ad ogni stagione.

 

Musica: Jukebox | 18 Lug 2020 | Tech-Priest
Lucifer - Phoenix

Dopo il primo album decisamente metal e molto "Sabbathiano", i Lucifer sterzano verso un hard rock più abbordabile. Molti hanno storto il naso, ma il risultato è comunque ottimo, e di fronte a un pezzo come Phoenix...

 

Racconti: Massive Darkness | 16 Lug 2020 | MarcoF
09 - Tu non puoi seguirci!

Ragazzi, da questo punto non si torna indietro. La strada per l’Oscurità è ormai segnata.

 

 

 

ban49