Quando un videogioco e' arte; calatevi nella sua storia, e To The Moon vi colpira’ dritto al cuore.

 

20160331 tothemoon 1

Ultimamente ci sono molti giochi che, con la scusa della “pixel art”, propongono soluzioni a basso costo e di dubbia qualita’ complessiva. To The Moon si distingue radicalmente dalla massa per quello che riesce a trasmettere.
Scritto con RPG Maker, un software ideato per realizzare facilmente giochi di ruolo in stile giapponese, To The Moon e’ tutto tranne un RPG; piu’ una storia interattiva, che un’avventura, addirittura.

Verremo messi nei panni di due medici/tecnici, specializzati nel rendere possibile un ultimo desiderio alle persone che si trovano sul punto di morire. Grazie al macchinario costruito dalla loro azienda, sono in grado di interfacciarsi con il cervello del paziente e costruire artificialmente un’esperienza percepita come reale dalla mente della povera persona in fin di vita. Uno dei pazienti, pero’, si rivelera’ un osso duro, vista la sua storia e la difficolta’ di accesso alla sua memoria...

 

20160331 tothemoon 2

 

Ve lo diro’ subito: questo gioco e’ una delle esperienze narrative piu’ toccanti che mi siano mai capitate. Fin dai primi minuti, la storia sapra’ strizzarvi il cuore, e sara’ impossibile non commuoversi numerose volte prima di arrivare all’epilogo. E’ una delle realizzazioni piu’ belle che si possano trovare in giro, senza mezzi termini e senza dubbio alcuno nell’affermarlo.
Gli autori della Freebird Games sanno decisamente come toccare le corde giuste per far leva sui sentimenti. Senza rendervene conto, verrete catapultati nel mondo del gioco e in un attimo vivrete una completa empatia col paziente in questione. Non vi sara' assolutamente facile, per non dire impossibile, resistere alla compassione ed alla pieta', pur ben sapendo che si tratta di un videogame. Probabilmente associerete certe situazioni alle vostre esperienze personali, che avrete vissuto se avete gia' qualche annetto alle spalle; verrete colti alla sprovvista e vi renderete conto come, di fronte ai sentimenti, non ci sono difese.

20160331 tothemoon 3

 

L’interazione, la parte tipicamente giocosa di questo titolo, e’ piuttosto limitata; non c’e’ infatti moltissimo da fare oltre a leggere i dialoghi e ogni tanto affrontare qualche minigioco, o cercare qualche oggetto nascosto. Questo aspetto poteva sicuramente essere approfondito, ma si tratta di una produzione indipendente che ha fatto della narrativa il suo punto di forza. Ci sono dei momenti un po’ fiacchi e qualche passaggio poco fluido, eppure nel complesso tutto fila.
Il gioco ricorda, per certi versi, la prima stagione del The Walking Dead di Telltale, intensa dal punto di vista narrativo quanto mancante nella parte attiva del gioco – e nonostante questo, molto bella. Ecco, To The Moon ha la stessa struttura, ma riesce ad essere ancora superiore rispetto al gia’ bel titolo appena menzionato.

 

20160331 tothemoon 4

 

Ha una durata decisamente breve (l’ho finito in meno di 7 ore, compresi i due mini-episodi aggiuntivi), quindi magari prendetelo in offerta su Steam. Tenete comunque a mente che anche a prezzo pieno (attualmente a 8 Euro) e’ una spesa che vale ogni centesimo investito.

To The Moon e’ un capolavoro nel suo genere, e merita di essere giocato da ogni persona che pensi di avere un cuore.

 

To The Moon, 2011
Voto: 9

 

ban49