Un avvincente gioco di carte cooperativo, in parte rovinato dall'eccessiva e frustrante difficoltà.

 

20160909 deathangel01

 

 

Chi non è molto addentro alla realtà dei giochi da tavolo forse non avrà ben presente l'esistenza dei giochi cooperativi. Sono giochi in cui i giocatori non agiscono tutti contro tutti, con un solo vincitore finale, oppure divisi in squadre, ma collaborano tra di loro per battere il gioco.

Io apprezzo particolarmente questo genere, ma bisogna evidenziarne una caratteristica: di solito è molto difficile che i giocatori riescano ad avere la meglio, e questo alla lunga può essere frustrante.

Death Angel è un gioco di carte cooperativo per 1-6 giocatori, in cui i partecipanti hanno il controllo di squadre di Space Marine (grossi soldati futuristici protetti da pesanti armature) che si addentrano in abbandonati relitti di astronavi brulicanti di alieni. Avete presente Alien? Ecco, vi assaliranno da tutte le parti!

A mia memoria, in tutti i cooperativi a cui ho giocato la vittoria sul gioco è arrivata sempre piuttosto raramente, e in questo caso le possibilità di uscirne vivi sono davvero molto scarse...

 

20160909 deathangel02

 

A seconda del numero dei partecipanti, i giocatori controllano una o più squadre di 2 Space Marine, che vanno a formare una colonna centrale. La formazione, procedendo nelle varie locazioni dell'astronave, si troverà ai lati vari "luoghi" (Carte Terreno) da cui arriveranno gli alieni: corridoio, condotto di ventilazione, porta, e così via.

Ad ogni turno i giocatori scelgono una fra le tre azioni possibili per la loro squadra: "Attacco", "Supporto" e "Movimento/Attivazione". L'azione scelta non potrà poi essere effettuata nel turno successivo. Inoltre, ogni azione può attivare delle abilità speciali, di solito riferite a uno dei due Space Marine di ogni squadra.

La coordinazione tra le azioni delle varie squadre sarà fondamentale per ottenere il massimo risultato, tatticamente parlando, in ogni turno. Gli alieni continuano ad arrivare da ogni lato ed è necessario eliminarli a un certo ritmo per non venire soverchiati. Si deve però fare anche attenzione a posizionare bene i propri soldati per permettergli di attaccare e difendersi, e anche l'azione di "Supporto" deve essere tenuta in opportuna considerazione perché può rivelarsi spesso decisiva.

 

20160909 deathangel03

 

Vediamo le azioni nel dettaglio. Con "Attacco" i 2 Space Marine della squadra possono attaccare gli alieni che hanno di fronte ed entro il loro raggio di fuoco. Ecco perché sono importanti gli spostamenti: se non ci si organizza bene si rischia di trovarsi gli alieni che si vogliono attaccare oltre la portata di tiro o alle nostre spalle. Alcuni Space Marine hanno attacchi speciali e più letali che devono essere sfruttati al meglio. L'attacco si effettua tirando il dado, e vi assicuro che non è così facile che vada a segno...

Con "Supporto" si può posizionare un segnalino apposito su uno qualsiasi degli Space Marine in formazione. Questi segnalini possono risultare decisivi perché ognuno di essi può poi essere usato per ritirare un dado in attacco o in difesa se non siamo soddisfatti del primo risultato ottenuto.

Con "Movimento/Attivazione" si possono spostare gli Space Marine della relativa squadra, cambiare il loro fronte e, volendo, attivare alcune "Carte Terreno" che prevedono questa opzione. Ad esempio la carta terreno "Porta" può essere attivata per permetterci poi di bloccare dietro di essa un certo numero di alieni quando passiamo alla locazione successiva, impedendo che ci seguano.

Anche le azioni di "Supporto" e "Movimento/Attivazione" permettono di utilizzare delle abilità speciali dei nostri soldati e spesso vengono scelte più per tale motivo che per l'azione in sé. La coordinazione nell'uso delle abilità speciali è fondamentale per la vittoria finale.

 

20160909 deathangel04

 

Ovviamente dopo aver svolto le nostre azioni viene il turno degli alieni sopravvissuti, che attaccano. Anche qui il dado decreta il risultato del loro attacco, e quando gli alieni sono oltre un certo numero diventa davvero difficile sopravvivere. Se non si mantiene basso il numero di mostri che circondano la formazione, gli Space Marine iniziano a morire con spietata velocità! Dopo l'attacco degli alieni si gira una "Carta Evento" che può anche sconvolgere i piani dei giocatori. Prima di tutto indica un avvenimento che spesso è negativo per noi e solo raramente invece ci aiuta, poi ci dice quanti alieni arrivano e dove, ed eventualmente quali gruppi di alieni si spostano, spesso finendo fuori tiro o addirittura alle spalle degli Space Marine.

Man mano che si esauriscono le relative pile delle carte alieno, si passa alle locazioni successive, fino alla stanza finale che prevede una condizione di vittoria. Se si soddisfa questa condizione con almeno uno Space Marine vivo, i giocatori vincono. Vincono anche coloro che sono finiti fuori gioco perché magari tutti i loro soldati sono stati precedentemente uccisi.

Death Angel è uno dei migliori giochi che io abbia mai provato: è semplice e avvincente, non troppo lungo, ha una bella ambientazione ed è graficamente curato. Inoltre spinge i giocatori a collaborare in maniera veramente coinvolgente. Il problema è l'eccessiva difficoltà. Per poter vincere è fondamentale, oltre a una grande coordinazione tra i giocatori, anche una certa fortuna con la pesca delle "Carte Locazione" e delle "Carte Evento", e soprattutto col tiro del dado. L'attacco degli Space Marine contro gli alieni non è efficace quanto quello degli alieni contro gli Space Marine. Inoltre gli alieni si muovono spesso, attaccano di continuo e arrivano senza sosta.

Insomma, a lungo andare le continue sconfitte possono minare l'entusiasmo anche dei giocatori più appassionati.

Forse ognuno può adattare una o due regolette quà e là per rendere Death Angel più abbordabile, come ho fatto io, ma un regolamento alternativo ufficiale sarebbe l'ideale.

In ogni caso è un gioco che mi sento sicuramente di consigliare, specie se amate il mondo di Warhammer 40.000.

 

Death Angel, 2010
Voto: 8 (7 per l'eccessiva difficoltà)

ban49

 

Animazione: Le Recensioni | 06 Lug 2020 | MarcoF
Avatar - La leggenda di Aang - Libro primo: Acqua

Avatar è divertente, colorato, gioioso e scanzonato, ma con una costatne crescita interiore dei personaggi.

 

Giochi da Tavolo: Gli Approfondimenti | 15 Ott 2020 | Macros
Ma L’Orrore Dov’è?!

“Stai camminando nel corridoio più segreto della piramide quando, improvvisamente, ti appare davanti il terribile Nyarlatohep, il caos strisciante, colui che vuole portare il genere umano alla follia!” “Embè, e mo’ questo che ‘vole? Je dico che si nun se leva je pianto ‘na palla ‘n fronte!”

 

Musica: Jukebox | 04 Lug 2020 | Tech-Priest
Airbourne - Runnin' Wild

Cloni ed eredi degli AC/DC? Decisamente sì e senza sfigurare nemmeno un po'. Gli Airbourne sono pariti in quarta sin dal primo disco.

 

Film: Le Recensioni | 03 Lug 2020 | Il Cobra
Burn After Reading - A Prova Di Spia

Uno di quei rari casi in cui il titolo italiano e' piu' azzeccato di quello originale: Burn After Reading e' uno dei pochi colpi a vuoto dei fratelli Cohen.

 

Racconti: Massive Darkness | 02 Lug 2020 | MarcoF
08 - Sotto una volta in frantumi

NO! … Non aprire nessuna porta, non possiamo permetterci di perdere tempo.

 

 

Storia e Militaria | 01 Lug 2020 | Fangorn
Wojtek: Un orso divenuto soldato

Un viaggio iniziato nella lontana Persia e concluso molti anni dopo in Scozia. È la straordinaria storia di Wojtek, l’orso bruno che partecipò, insieme ai soldati polacchi, alla liberazione d’Italia.

 

 

Libri: Le Recensioni | 30 Giu 2020 | Il Cobra
Banda Di Fratelli

Sicuramente tutti avrete sentito parlare di Band Of Brothers, la serie dedicata ai para' impiegati sul fronte europeo. Beh, e' la fedele trasposizione di questo libro.

 

Animazione: Le Recensioni | 29 Giu 2020 | MarcoF
The Hollow - Stagione 2

La seconda stagione di The Hollow non è all’altezza della prima, anche se c’è qualche spunto buono.

 

Giochi da Tavolo: Gli Approfondimenti | 01 Ott 2000 | Macros
GDR: I 5 sensi

Tante volte si è detto che giocare a un gioco di ruolo è come girare un film dalla trama solo parzialmente determinata, ma alla fine questo accostamento non è neanche tanto vero poiché un film, per quanto ben girato, non può comunicare che due input sensoriali: la vista e l’udito.

 

Musica: Jukebox | 27 Giu 2020 | Tech-Priest
Frozen Crown - In The Dark

Arrivati al secondo disco, i milanesi Frozen Crown si dimostrano capaci di spiccare in un genere ultra-inflazionato. Sembra proprio che questi ragazzi abbiano una marcia in più.

 

Videogiochi: Le Recensioni | 26 Giu 2020 | Il Cobra
Iwo: Bloodbath In The Bonins

La battaglia di Iwo Jima e' stata una delle piu' sanguinose del teatro Giapponese; ma questo wargame non ne rende degnamente memoria.

 

Racconti: Massive Darkness | 25 Giu 2020 | MarcoF
07 - Il Labirinto Fantasma

Rivivere la prima grande avventura dei Portatori di Luce è stato concesso solo a loro che sono stati chiamati i Cinque.

 

Giochi da Tavolo: Gli Approfondimenti | 18 Set 2000 | Macros
Guano di pipistrello (de rerum magica)

"Era una giornata calda e luminosa sulle colline del Beladan, e un cavaliere solitario si stagliava sulla cima del Colle Vino, così chiamato per le coltivazioni di vite sul lato est."

 

 

Societa' | 23 Giu 2020 | Il Cobra
Il virus fuggito da un mercato militare cinese

Difficilmente riusciremo mai a sapere la verita' sull'origine del Covid-19; ma i dubbi sulla sua creazione in laboratorio sono fortissimi.

 

 

ban49