Dopo oltre vent'anni Il Grande Lebowski torna a far parlare di sé con l'uscita del suo spin-off. Quindi, quale occasione migliore per rivedere il film originale?

 

20191030 lebowski 1

 

È ora al cinema The Jesus Rolls, spin-off de Il Grande Lebowski, diretto da John Turturro che interpretò Jesus Quintana, una delle figure preferite dai fan. Quindi, quale scusa migliore per riprendere l’ormai consunto DVD del film originale?
Generalmente sono pochi i film che meritano una mia seconda visione ed ancor meno quelli che guardo quasi regolarmente. Il Grande Lebowski è uno di questi. Si tratta di una delle pellicole più amate dei fratelli Coen, uscita nelle sale ormai più di vent’anni fa, nel 1998, ed affermatasi negli anni, dopo un’incerta accoglienza, come un vero e proprio cult.

 

20191030 lebowski 2

 

Il Grande Lebowski, come tanti film dei Coen, traspone sullo schermo tutta l’assurdità della vita e l’esalta fino all’inverosimile.
Protagonista della vicenda è Jeffrey Lebowski, conosciuto da tutti come il “Drugo”, un vecchio hippie che conduce una vita nel rispetto dell’assoluta pigrizia e il cui unico interesse sono i tornei di bowling. Benché per carattere e per filosofia cerchi sempre di evitare i guai, scambiato per un suo omonimo sarà vittima di un’aggressione di cui a farne le spese sarà il suo tappeto che "dava un tono all’ambiente". Per poterlo riavere verrà trascinato in una vera e propria odissea che lo porterà ad investigare su un misterioso rapimento.
Tutto chiaro? Se no nulla di strano, il film ce la metterà tutta per confondervi e potrebbe servirvi una seconda visione.

 

20191030 lebowski 3

 

A condire la storia vi è un cast eccezionale. Il Drugo è interpretato alla perfezione da Jeff Bridges e a fargli da spalla vi sono gli amici del bowling: Walter interpretato da John Goodman, agli esatti antipodi del Drugo, un veterano del Vietnam rimasto con la mente a Saigon, sempre agguerrito ed incapace di ascoltare gli altri. Poi c’è Donny, interpretato da Steve Buscemi, timido, sempre escluso dal gruppo e probabilmente con loro solo per la sua abilità in pista.
A loro si aggiungono Julian Moore, Philip Seymour Hoffman e non per ultimo Sam Elliot che nei soliti panni da cowboy sarà il misterioso narratore della storia.

 

20191030 lebowski 4

 

Il ritmo del film benché sia abbastanza lento non è per questo noioso. I nostri occhi saranno sempre soddisfatti dalla perfetta fotografia, tanto che ogni singolo fotogramma potrà essere catturato e fissato sui nostri desktop senza problemi. Le nostre orecchie saranno invece cullate da una fantastica colonna sonora in tema con i gusti del Drugo che va dai brani più famosi dei Creedence Clearwater Revival al classico Bob Dylan.
Il tutto rende la visione estremamente rilassante, ed è forse proprio questo uno dei motivi per cui apprezzi così tanto Il Grande Lebowski e gradisca riguardarlo così spesso.

 

20191030 lebowski 5

 

Come già accennato prima, il film ha riscosso molto successo, ma più del film stesso è stato il Drugo a colpire il pubblico. In particolare poiché in una società come la nostra, ormai pervasa da un nichilismo di fondo, è diventato subito un’icona, per il semplice motivo che un personaggio sempre strafatto ed estremamente pigro fa presa facile sui giovani che si possono identificare in lui.
Ma a dirla tutta, anche chi non venga per nulla colpito da questo aspetto del Drugo lo ammira comunque, perché sotto sotto tutti noi vorremmo riuscire a "prendere la vita come viene" come fa lui, senza prenderci troppo sul serio ed imparando a liberarci dalle tante gabbie della nostra società.

 

20191030 lebowski 6

 

Di sicuro ben pochi sono riusciti a comprendere il significato reale del film, ma come dargli torto? A distanza di tanti anni le teorie si accumulano senza che sia stata ancora trovata la giusta chiave di lettura. È mio parere che il Drugo rappresenti una sorta di messia moderno, come sembra venga suggerito dal cowboy misterioso in uno dei suoi monologhi. Ognuno sembra vederci qualcosa di differente, al punto che c’è perfino chi seduto in un bar di Bangkok ne è rimasto talmente illuminato da mettere su una goliardica religione: il Dudeismo, che ad oggi raccoglie quasi mezzo milione di preti, me compreso, mio malgrado, per un errore di gioventù!

 

 20191030 lebowski 7

 

In conclusione è un film che non posso fare a meno di amare e di consigliare, ricchissimo com’è di trovate originali e per la sua stravaganza. Ma soprattutto è adatto ad ogni serata, anche dopo una giornata particolarmente stressante saprà mettervi pace e rilassarvi, cosa volere di più da un film?
Buona visione!

 
Il Grande Lebowski, 1998
Voto: 8

 

ban49