Un film che oggi ha perso il suo significato d'impatto ma che rimane una iconica testimonianza di un pericoloso periodo storico.

 

20200921 thedayafter 1

 

 

Nei primi anni '80, la tensione fra USA e URSS era altissima. La seconda vera crisi nucleare dopo quella deglia anni '60, magnificamente raccontata in Thirteen Days, ci ha visto per lunghi anni vicinissimi all'annientamento nucleare. The Day After è stato un film-evento che ha provato nel suo piccolo a scuotere le coscienze; e non si può negare che un ruolo lo abbia effettivamente avuto.

Uscito negli Stati Uniti nel Novembre 1983, The Day After prova a raccontare i giorni precedenti e le settimane seguenti ad un conflitto atomico, incentrando la sua attenzione sulla vita di alcune persone nella zona di Kansas City, nel pieno della fascia rurale statunitense ma anche zona di numerose basi missilistiche.
Sebbene sia stato proiettato anche nei cinema (soprattutto all'estero), The Day After nasce come film per la televisione e certe influenze in tal senso si possono notare; per fortuna non ci troveremo di fronte a scene melense o inverosimili, ma di sicuro il film è stato edulcorato nel modo in cui presenta gli effetti della contaminazione radioattiva su larga scala, rimanendo crudo ma risparmiando allo spettatore effetti speciali più realistici, ma più veritieri, su cosa capiti alle persone dopo una esposizione radioattiva intensa e prolungata.

 

20200921 thedayafter 3

 

Come detto, il film è comunque crudo ed intenso a suo modo. Traspare in modo evidente la devastazione ed il collasso completo della civiltà, le condizioni di vita oltre l'immaginabile dove tutto è mirato alla sopravvivenza e dove la disperazione umana toglie la voglia di continuare a lottare per restare in vita; ed a questo ci si arrivi per nessun motivo valido se non quello della supremazia politica ed economica di un blocco nei confronti dell'altro.

Le vicende dei protagonisti si intrecciano con l'evoluzione della storia, che sprofonda in un vortice oscuro sempre più velocemente, fino a un punto in cui lo scorrere del tempo diventa improvvisamente dilatato e privo di importanza. Alcuni momenti ricordano, paradossalmente, quel Fallout che formerà una intera generazione di videogiocatori, e che saprà sfruttare il filone nucleare in modo superbo (anche grazie ad una tensione mondiale decisamente inferiore).

 

20200921 thedayafter 2

 

Buono ed adeguato al compito il cast, che fornisce una solida prova corale e formato da volti di secondo piano come Jason Robards (C'Era Una Volta Il West, Tutti Gli Uomini Del Presidente, Philadelphia) o poco noti all'epoca ma che almeno nel caso di John Litgow (Voglia Di Tenerezza, Footloose, 2010 L'Anno Del Contatto, Il Rapporto Pelican, A Civil Action) e Steve Guttemberg (Scuola Di Polizia, Cocoon, Corto Circuito) avrebbero poi goduto di un ritorno d'immagine non indifferente.

Degli effetti speciali abbiamo già accennato; sarebbe stato il caso di essere più decisi, più veri, ma anche così The Day After raggiunge il suo scopo. I momenti dell'attacco atomico da questo punto di vista sono i migliori; si tratta di effetti semplici ma d'impatto.

 

20200921 thedayafter 4

 

The Day After è stato un film che ha cambiato il mondo. È stata creata una campagna per portarlo nelle sale anche dei paesi del blocco sovietico, per scuotere le coscienze mondiali, e se si è arrivati ad un processo di disarmo è forse anche grazie a questa pellicola, trasmessa in TV dalla ABC appena 9 giorni dopo la crisi scatenata dall'esercitazione NATO Able Archer che ha rischiato di scatenare la Terza Guerra Mondiale, e della quale si sarebbe venuto a sapere solo molti anni dopo.

 

20200921 thedayafter 5

 

Solo chi ha vissuto quegli anni può comprendere appieno il significato delle scene rappresentate nel film, ma anche le generazioni più giovani possono apprezzarne il messaggio. The Day After è un film da vedere almeno una volta nella vita, e che insieme a Testament e Threads - Ipotesi Sopravvivenza forma una trilogia imperdibile per chi vuole approfondire il tema dell'annientamento nucleare e del clima di terrore che si viveva in quegli anni.

 

The Day After, 1983
Voto: 8

 

ban49