Il Centauro è un mezzo corazzato leggero, dotato di una mobilità superiore a quella dei carri ma con pressappoco la stessa potenza di fuoco. Queste caratteristiche lo rendono un mezzo formidabile per la ricognizione e il supporto delle varie unità.

 

20190130 centauro1

Veloce, potente e affidabile il Centauro costituisce (nel suo genere) una eccellenza Italiana, con pochissimi rivali al mondo. Vediamo insieme un po' di storia e caratteristiche. Il Centauro è in dotazione all’Esercito Italiano, Spagnolo,Giordano e dell’Oman. L’esercito U.S.A. l’ha usato come base per sviluppare il suo APC (armored personnel carrier) Stryker, e ne è stata anche valutata l’adozione da parte dell’esercito Russo. Il progetto del Centauro è nato durante la Guerra Fredda, nel 1984, e si concluse nel 1989 con la presentazione del veicolo. L’ordine di 400 Centauro per l’Esercito Italiano fu’ completato nel 1996. Nel 2011 il Ministero della Difesa firmò con il consorzio Iveco Oto-Melara un contratto per lo sviluppo del Centauro II. Nel 2016 il progetto è stato concluso, con il piano di acquistare tra i 130 e i 150 Centauro II da parte dell’Esercito Italiano.

Il Centauro è stato impiegato in teatro operativo nell'UNIFIL in Libano, in Yugoslavia, in Somalia e nell'operazione "Antica Babilonia" (durante la guerra in Iraq). In queste occasioni si è dimostrato sempre un veicolo vincente, usato principlamente per scortare convogli, per ricognizioni e controllo di vaste aree e supporto alle truppe in combattimento. 

Il Centauro II presenta uno scafo totalmente rinnovato (lungo 7 metri, largo 3 e pesante circa 30 tonnellate) con corazzatura potenziata, capace di fermare proiettili da 30mm (fino a 40mm con un kit appositamente sviluppato). Lo scafo è diviso in tre zone principali, la suddivisione è stata ideata per aumentare la capacità di sopravvivenza dei soldati: la corazzatura è infatti massimizzata nella zona dell’equipaggio, spostando elementi pericolosi (es. munizioni o serbatoi) in altre posizioni. Sono inoltre presenti gli impianti anti-incendio, anti-esplosione e protezione NBC (protezione per guerra nucleare, biologica e chimica). Il sistema di difesa passivo permette di nascondere il veicolo da ottiche, laser, armi guidate a infrarossi e sono presenti 4 jammers per il disturbo di dispositivi per la detonazione di IED. Sul Centauro vi è inoltre installato un sistema di condizionamento dell’aria che permette all’equipaggio di operare a temperature che vanno da -30° a +44° C.

 

20190130 centauro2

 

Il Centauro II è dotato di un sistema di controllo della pressione di gonfiaggio degli penumatici, con 4 tarature, che permette di avere un’ aderenza sempre ottimale al variare dei terreni percorsi. Il motore è un Iveco Vector 8V diesel da 720 hp; capace di far raggiungere i 105km/h su strada, con un’autonomia di circa 800km. L’armamento offensivo primario è composto da un cannone da 120 mm (sul B1 era da 105mm). L’armamento secondario presenta una torretta remotizzata (in calibro 12.7mm, 7.62mm o un lancigranate da 40mm).

Troppo spesso non diamo il giusto merito al nostro esercito e alla nostra industria bellica, che, al contrario della credenza popolare, ha un elevato livello di professionalizzazione e capacità operative, con delle eccellenze riconosciute globalmente.

 

ban49