banner tana fb

 

St.Luminous Mission High School

di Andrea Morsani
Creato: 20 Aprile 2017

Strano. E’ questo l’aggettivo forse piu’ calzante per quest’anime che lascia incuriositi e ancora perplessi anche dopo la sua conclusione.

 

20170420 luminous01

Giappone, oggi. Un liceale viene chiamato a gestire una scuola privata femminile, perche’ designato direttamente dal nonno appena scomparso. Appena preso piede nella scuola, dedicata allo sviluppo delle arti e dello spirito, una studentessa sparisce nel nulla; cosa sta succedendo nel complesso della St.Luminous Mission?

Queste le premesse della breve serie animata (13 episodi di mezzora l’uno) realizzata sul finire degli anni ’90. Si tratta di un racconto del mistero e del sovrannaturale che prende in considerazione tutti i classici del genere, mantentendo una discreta suspance per tutto il tempo. Il ritmo e’ piuttosto basso, ma questa non vuole essere una nota necessariamente negativa; si cerca piu’ l’aspetto interiore che l’azione.

 

20170420 luminous02

 

L’ambientazione e’ perfetta per il solito leit-motif giapponese del liceale maschio messo insieme a tante belle pulzelle e quello del suo amico travestito da donna, elementi tanto cari agli autori giapponesi (ma perche’, poi?). Almeno ci sono molti spunti per vedere le storie dei singoli personaggi; alcune decisamente interessanti, ma purtroppo non sempre approfondite.

 

20170420 luminous03

 

Ci sono molti accenni, strade appena tracciate, ma ben poco viene affrontato in profondita’... ed e’ un peccato, perche’ le possibilita’ per sviluppare la trama erano numerose; il problema e’ che lo stesso trattamento viene riservato alla trama principale, cioe’ al mistero della sparizione. Avendo messo dentro tutto ed il contrario di tutto (non voglio spolierare), viene quasi da pensare che Kenji Terada, l’autore, non avesse la piu’ pallida idea di dove andare a parare. Forse non c’erano abbastanza fondi per realizzare un numero superiore di episodi (e quindi piu’ tempo a disposizione, ma l’impressione e’ piu’ quella del “buttiamo dentro quello che ci passa per la testa senza starci troppo a pensare”. La cosa curiosa e’ che, a parte la superficialita’ di certe situazioni, la miscela funziona.

 

20170420 luminous04

 

Il disegno vive di una doppia vita: e’ infatti discreto nei primi episodi, curato e ricco di colori, tanto da regalare momenti di stupore e di immersione completa. Soprattutto i primi piani delle ragazze, nella loro semplicita’, e le creazioni artistiche sono realizzate con ottimi risultati. Di contro, negli ultimi episodi il tratto si fa’ vecchio ed inadeguato anche per gli standard di venti anni fa; per le scene statiche vengono spesso usati gli sfondi fissi con un unico elemento in movimento (la bocca, o un braccio), mentre va meglio per le scene di movimento. Peccato pero’ che la resa di proporzione e prospettiva non sia il punto di forza dello studio Genco e della Pioneer Animation; le gambe sono spesso troppo lunghe per il resto del corpo (ma non se ne rendevano conto mentre disegnavano???) e le inquadrature da sotto, di sicuro una piacevole introduzione nel campo dell’animazione, sono tutt’altro che riuscite. Un vero contrasto che forse conferma le difficolta’ economiche in fase di realizzazione della serie.

 

20170420 luminous05

 

Resta il piu’ grande dubbio: come valutare una serie che intriga per l’ambientazione, per dei passaggi interessanti, ma che non arriva mai al punto di svolta (se non tutta insieme), e sembra priva di sapore come una galletta di riso per un affamato?
Non posso dire che la serie non mi sia piaciuta, ma non posso nemmeno dire che mi sia piaciuta. Ci sono realizzazioni grossolane e interessanti spunti al limite della genialita’. Sembra un pastrocchio fantastico.

 

20170420 luminous06

 

Non so se voglio consigliarvi di vederlo o di starne lontani. Io stesso sono in dubbio di cancellare i video dal mio hard disk o salvarli definitivamente su DVD per rivederli in futuro. Ecco, forse in questo St.Luminous Mission High School centra l’obiettivo: insinua il dubbio talmente in profondita’ da rendere dubbio se stessa.

 

St.Luminous High School Mission, 1998

Voto: boh... 6?